Giro d’Italia 2020 rinviato

Giro d’Italia 2020 rinviato. Purtroppo a causa dello stato di emergenza legato alla diffusione del coronavirus, l’organizzazione ha optato per un cambio di programma. Maggiori informazioni sul cambio di data si conosceranno dopo il 03 Aprile.

Giro d’Italia 2020: rinviato

Giro d’Italia 2020: annullata la partenza in Bulgaria

Come era facile da immaginare, la situazione sanitaria mondiale legata alla diffusione del Coronavirus, si è abbattuta anche sul Giro d’Italia. L’edizione numero 103 sarebbe dovuta partire dall’Ungheria il 09 Maggio.

Però, a causa del diffondersi del Covid-19, il comitato organizzatore magiaro, tramite il profilo Facebook del deputato Máriusz Révész, ha reso noto l’annullamento delle prime tre tappe, che della Corsa Rosa sarebbero dovute essere la partenza.

Questo il testo:

“A causa della grave situazione in Europa» si legge nel post dell’esponente ungherese «non sarà possibile organizzare le prime tre tappe del Giro d’Italia in Ungheria. Nelle ultime tre settimane si sono svolti diversi incontri tra organizzatori ungheresi e italiani: il comitato organizzatore ungherese ha comunicato a più riprese che la competizione non può danneggiare la sicurezza e la salute del popolo ungherese. Con il propagarsi della diffusione del virus, il governo ungherese ha annunciato l’emergenza che impedisce l’organizzazione di eventi sportivi con la presenza di pubblico e rende impossibile organizzare eventi di portata internazionale”.

Máriusz Révész

Giro d’Italia 2020 rinviato: nuova data sarà resa nota il 03 Aprile

Dopo questa comunicazione da parte del comitato organizzatore Ungherese, RCS dal canto suo ha annunciato che il Giro d’Italia 2020 sarà rinviato.

Una decisione sofferta, questa, ma necessaria a causa della situazione nazionale e internazionale. RCS ha inoltre aggiunto che una nuova data sarà resa nota non prima del 03 Aprile 2020, giorno in cui si esauriranno le disposizioni del D.P.C.M del 04 Marzo 2020.

Ovviamente, prima di scegliere una nuova data, l’organizzatore della Corsa Rosa si confronterà con il Governo, gli Enti Locali e territoriali, e le istituzioni sportive italiane e internazionali.

2020 un anno da dimenticare per il ciclismo

Giro d’Italia 2020 rinviato, ma non solo. A causa della pandemia che si sta flagellando il Mondo, molte sono state le corse ciclistiche che hanno dovuto fermarsi, sia in Italia che all’estero.

Era proprio di questa settimana una dichiarazione del Presidente dell’UCI David Lappartient nella quale definiva un “disastro” per il ciclismo se il Giro d’Italia e il Tour de France non avrebbero potuto essere corsi a causa del Covid-19 in Europa.

RCS spor, dal canto suo, era già stata obbligata a posticipare la Milano-Sanremo, la Strade Bianche e il Giro di Sicilia a causa dell’emergenza sanitaria in Italia.

Altre corse europee colpite dal Coronavirus

Anche altri sport europei sono stati massicciamente colpito dalla diffusione del Coronavirus, come la Champions League che è stata sospesa, e allo stesso modo aleggiano molti dubbi anche sugli Europei di calcio che dovrebbero svolgersi a Giugno attraverso tutta l’Europa, il Tour de France (27 Giugno – 19 Luglio) e i Giochi Olimpici di Tokyo.

Stando all’attuale stato delle cose, il calendario ciclistico potrebbe essere totalmente ridisegnato, con numerose corse posticipate nella seconda metà dell’anno, o addirittura nei mesi finali dell’anno.

“Dobbiamo capire cosa l’UEFA farà a proposito di Euro 2020” ha detto Mauro Vegni all’agenzia Adnkronos, giovedì. “Il problema delle date per tutti gli sport è un grande puzzle che è difficile da mettere a posto”.

Calendario corse professionisti annullate
Marino Pizzo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *